Ecco 10 mestieri che andranno in futuro

Ecco 10 mestieri che andranno in futuro

Quali saranno le professioni del domani? Saranno derivate da quelle attuali o completamente introdotte ex novo nel mercato del lavoro del futuro? A stilare una sorta di classifica di quelle che potrebbero essere le nuove professioni del futuro c’ha pensato Fast Company.

Quale professione nel prossimo futuro?

Ogni anno c’è sempre qualche novità nel settore lavorativo: i nuovi media hanno introdotto nuove professioni che qualche decennio prima non potevamo nemmeno solo immaginarci, e niente vieta che qualche odierno settore lavorativo troverà ulteriore sviluppo nel futuro o si amplieranno o addirittura creeranno ex novo nuovi mestieri che, proprio come un tempo, non possiamo nemmeno azzardare a ipotizzare. Le professioni del domani potrebbero stupirci sia in senso negativo che in senso positivo ovviamente, ecco perché a volerci preparare almeno in parte alle professioni del futuro è Fast Company che addirittura ha stilato una classifica dei lavori che andranno più forte. Nomadi digitali e lavori freelance sembra non mancheranno anche in futuro e alla luce dell’ultimo rapporto dell’Organizzazione internazionale del lavoro secondo cui il 60% dei lavoratori in tutto il mondo non gode di nessun tipo di contratto, anche la situazione lavorativa futura potrebbe fare acqua.

Nonostante ciò, Fast Company, che spinge i propri lettori a pensare altrimenti e a creare il proprio futuro lavorativo, ha pubblicato una breve rassegna delle professioni che saranno più quotate nei prossimi dieci anni e per farlo ha addirittura coinvolto la TomorrowToday Global e la Unique Visions. Cosa ne è uscito fuori? Che uno dei lavori del futuro sarà quello del professore freelance online: oggi l’insegnamento online rappresenta ancora una bella fantasia che potrebbe trasformarsi in realtà se ci si concentrasse meglio sul concetto di educazione.

Nuovi sbocchi, vecchi mestieri

L’urban farming sarà un altro mestiere del futuro nonostante stia gia da ora sviluppandosi nella giusta direzione, ma oggi è più un qualcosa che viene svolto come hobby per cui ci sono buone possibilità che diventi in un futuro non troppo lontano qualcosa di più serio. Insolito è il mestiere di ‘pianificatore di fine vita’: poiché l’età media degli abitanti del mondo sta pian piano allungandosi potrebbe essere utile programmare la fine della vita e probabilmente correlato a questo sarà il lavoro di senior caring, ovvero la cura degli anziani non solo dal punto di vista sanitario ma anche piscologico facendo trascorrere all’anziano momenti piacevoli finché può.

Ed ecco che potrebbe venire in aiuto la figura dello specialista sanitario in remoto capace di alleggerire il peso delle strutture sanitarie esistenti. Anche i tecnici per impianti e protesi neurali andranno alla grande dato il settore in via di sviluppo che si pensa ben avviato tra dieci anni. Oltre a professioni prettamente legate all’andamento della popolazione, serviranno però anche persone capaci di installare, gestire e spiegare il mondo degli oggetti smart dai termostati alle lavatrici intelligenti che avremo in casa e per cui servirà una consulenza dato che non tutti sapranno usare al meglio l’internet delle cose. Tornando a mestieri che già dai nostri giorni stanno iniziando a prendere piede, non bisogna sottovalutare l’importanza che avrà in futuro il designer per la realtà virtuale sia a fini ludici che lavorativi e che avrà il compito di costruire ambienti virtuali utili o divertenti. Anche per questo serviranno più che mai specialisti della stampa3d: designer e stilisti in tre dimensioni avranno sempre più da fare nell’ideare e sfornare prodotti all’avanguardia e di tendenza.